Panorama del paese Palazzo MARINI Vettore e valle del Tronto Chiesa S.S.Addolorata Chiesa S,Franceso Panorama da Viale delle Rimenbranze Via Salvator Tommasi Campanile della Chiesa S.S.Addolorata Veduta da Capolaterra

Associazione Pro Loco Accumoli (RI)

Poesia per Accumoli

Mura antiche
spesse e fortificate
mura di silenzi
lunghi come secoli
che scorrono ignari
sulla pietra corrosa.
L’arenaria
padrona indiscussa
di ogni palazzo
regala alla terra la sabbia del suo passato.

Roberta Paoloni

SPONSOR 2010

- Chi ci ha aiutati....Informazioni...

News 2011

- CONCORSO DI IDEE ...Informazioni...

- CONCORSO DI IDEE ... Scarica Definizione

- CONCORSO DI IDEE ... Scarica Domanda

Eventi del 2010

Pasteggiata Accumoli-Capodacqua Scarica il pdf

Fiera di S.Martino 14 Novembre

Sagra Fettuccelle alla Trota 14 Agosto 2010

Festa Patronale 2010

Ricerche Storiche

..........

Renzo Colucci

Liberazione di Ascoli dagli Sforza


Qui si narra di come Accumoli, per vendicare la morte dei suoi concittadini, aiutò Ascoli a liberarsi dalla tirannia degli Sforza.

Siamo intorno alla metà del XV secolo. Accumoli è coinvolta quasi di continuo in guerre e scaramucce con le città vicine, in particolare con Cascia, con la quale tuttavia nel 1433 fa fronte comune contro gli Sforza, lanciati alla conquista dello Stato pontificio.
L’accordo irrita gli sforzeschi, che per rappresaglia distruggono alcuni villaggi e assediano il capoluogo. Ma presto devono mollare la stretta per correre in aiuto dei commilitoni in Ascoli.
Accumoli è salva, ma non dimentica. E qualche anno dopo (1443) alcuni suoi cittadini, istigati anche dal Piccinino, alleato del Papa, tramano la vendetta. Il 12 agosto calano in Ascoli con il proposito di uccidere Giovanni Sforza, che tiranneggiava la città. A capo della congiura era Giacomo Titoloni, signore di Accumoli, sicuro di prendere di sorpresa lo Sforza perché alleato dello stesso.
Ma vengono scoperti e catturati, e il Titoloni con i suoi partigiani finiscono squartati sulla pubblica piazza. Con loro sono giustiziati altri sette accumolesi abitanti in città, sospettati di collaborazione solo perché erano compaesani dei congiurati. Tra essi anche un frate domenicano  e una monaca, l’uno impiccato, l’altra arsa viva; questi appartenevano, rispettivamente, alle famiglie Moscati e Calcagni . I quarti sanguinolenti del Titoloni vengono esposti alle porte della città, mentre la testa, infilzata a un’asta, è innalzata all’ingresso del palazzo del Governatore. I corpi dei suoi partigiani sono lasciati per giorni pendenti alle forche, come ammonimento alla cittadinanza a non seguirne l’esempio.
                  Alla notizia dell’eccidio efferato dei compaesani e del macabro scempio dei
                  loro corpi, Accumoli insorge compatta e grida alla vendetta. Centinaia di
                  persone si radunano nella piazza pronte a marciare su Ascoli per vendicare
                  il sangue degli innocenti, non certo quello del Titoloni che aveva  meritato
                  tale fine.
 E vorrebbero subito marciare su Ascoli, andando sicuramente incontro ad altra e più feroce strage, se la saggezza degli anziani non ne avesse frenato il furore, rimandando la spedizione a tempi più propizi.
Due anni dopo, infatti, quando la tirannia dello Sforza era diventata ancor più insopportabile per gli Ascolani, un manipolo di 200 accumolesi,  confondendosi con i pellegrini e i mercanti delle fiere e feste agostane, entrano in Ascoli e fanno strage degli sforzeschi, tagliando a pezzi (occhio per occhio) Rainaldo Sforza, fratello di Giovanni, l’autore della strage di due anni prima;.
                  Questo episodio fa  scattare la scintilla: gli ascolani si ribellano ai soprusi
                  degli Sforza , determinando la fine del loro dominio  sulla città.
                  I nostri concittadini vengono  portati in trionfo dagli ascolani:  nelle
                  cronache ascolane vengono definiti “ baffuti e feroci montanari”.
                  Nelle  lotte per la liberazione di Ascoli perdono la vita  molti accumolesi;
                  le memorie cittadine riportano tra i caduti alcuni appartenenti alle famiglie dei
                  Calcagni, Camerari, Marini e Cappello.  

Per queste gesta Accumoli si vide confermati da re Alfonso tutti i privilegi, condonate alcune pendenze fiscali, ricostruite le mura e rafforzate con postazioni di artiglieria.

 

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | ©2006 PGM SHSE